San Vincenzo: stop ai banchetti di bassa qualità

Va mercatino natale a San Vincenzobene il gruppo musicale in piazza della Vittoria, ma invasione di banchetti da terzo mondo in mezzo alla zona blu a fare concorrenza ai commercianti di San Vincenzo non mi piace.

Alcune mie considerazioni.

1) Non ho fotografato interno dei gazebo per correttezza del commerciante. 2) Su 1 venditore di qualità, c’erano 9 che vendevano prodotti di bassa qualità o in netta concorrenza con i nostri negozianti. Perdiamo di qualità senza nessun guadagno di immagine. Che senso ha un venmercatino natale a San Vincenzoditore di borse davanti al negozio di borse di San Vincenzo? 3) Assemblea Sanvincenzina, di cui fanno parte gli organizzatori di questo evento (e sono la minoranza dei commercianti del centro, nonché la netta minoranza dei commercianti di San Vincenzo) non è nulla di diverso o di meglio della maggioranza PD, sono la stessa cosa con lo stesso modo di vedere. Non è campagna elettorale e non faccio polemica, solo che la mia visione e penso la visione della maggioranza è quella di andare verso più decoro, qualità e fare eventi positivi, non a somma zero o addirittura negativa. Se fosse stato un evento positivo, sarei venuto in paese e lo avrei detto su Facebook. Portare persone a spendere a San Vincenzo è nell’interesse di tutti. 4) Ritengo che sia l’ora che la maggioranza, a corto di idee, smetta di sponsorizzare eventi solo perché mercatino natale a San Vincenzomancano di idee proprie. 5) Comunque la mia idea di festa di Natale e di mercatini di artigianato è diversa da quelli che c’erano alla festa tipica. Tra l’altro tutti non vogliono più i gazebo del centro e si riempie il fine settimana con queste strutture. Qui non si parla di legalità, ma di idee e scelte politiche.
Dopo aver letto i commenti e le discussioni su Facebook faccio alcune proposte.

1) I contributi del volontariato e l’impegno delle associazione sono sempre positivi perché fanno parte del capitale sociale.

2) Non si possono equiparare le iniziative perché ognuna ha un suo target.

3) Se lo scopo è animare San Vincenzo per attrarre chi utilizza questi giorni per acquisti natalizi e per dare vita al Paese e’necessario investire sulla qualità della proposta.

4) se pensiamo che un mercatino sia una delle soluzioni non si può improvvisare.

5) va bene il libero mercato ma se si permette all’ambulante,pur perfettamente in regola,di vendere in zona Blu articoli non selezionati,io creo un privilegio a lui rispetto al negoziante.

6) San Vincenzo deve individuare,come in altre realtà già collaudate,uno spazio con strutture che non siano squallidi gazebo da destinare a questa funzione. Le mie foto da dietro erano per non fare vedere i prodotti e le persone a lavoro, per rispetto (come ho scritto sopra 1 su 10 era di buona qualità, 9 bassa qualità o in concorrenza con i nostri commercianti). Sarebbe meglio fare un investimento in 10_15 strutture in legno removibili a forma particolare (tipo Gabina del mare che è tipica di) e dare in uso di volta in volta ai commercianti di qualità che vengono.

7) Una proposta su come gestire il mercatino:Lavorare a tema-tipo addobbi di natale durante le festività (e magari piccoli imprenditori locali possono proporre nuovi articoli per la realizzazione degli addobbi stessi)-il mercatino delle calze per la befana (può comprendere le calze dono ma anche calzini,calzettoni,prodotti di lana o cotone artigianali…), il mercatino della pelle (guanti cinture borse lavorate da artigiani…)

8 la difficoltà sta nel cercare. gli ambulanti ma questo lavoro iniziale può fare la differenza. È meglio un bando chiuso con specifiche precise dei prodotti oppure una ricerca anche senza bando.

9) Di mercatini senza anima ormai non sappiamo più che farcene.

10) Anche io sono per valorizzare la piazza del porto se proprio si vogliono fare. Detto queste dieci cose, io non sono favorevole al sistema mercatini, a meno che questi non raggiungano un plus evidente, in quanto come mi stanno scrivendo molti commercianti di fatto tolgono l’attenzione dai veri negozi. Piuttosto si investa di più nell’evento di per se per dare spirito natalizio e nei periodi in cui piace venire a san Vincenzo da marzo a ottobre. Incredibile, lo devo dire non mi aspettavo, ma molte persone di fuori sono innamorate di san Vincenzo e ci vengono, frase tipica `come è bello il porto nuovo` (paradossale rispetto a quanto è stato criticato da noi sanVincenzini). Abbiamo grandi opportunità da sfruttare e bisogna continuare nella direzione di collaborare e fare rete.

Per concludere: stop ai banchetti di bassa qualità e se si vogliono fare mercatini, si fa bando con 10 posti precisi con prodotti di qualità specifica e particolari o organizzati da associazioni locali, senza delegare a chi organizza in modo qualunquista.

Sotto: alcune belle foto di mercatini internazionali.idea mercatino san vincenzo belloidea mercatino san vincenzo belloidea mercatino san vincenzo bello

Luca Cosimi – Blog in Libertà

Consigliere Comunale per SìAmo San Vincenzo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...