Archivi tag: burocrazia

Addio Forza Italia

Cari amici. Vi comunico la mia presa di distanza da Forza Italia. Ringrazio chi nel tempo passato ha creduto in me all’interno di questo che era un grande movimento di persone e di idee: Continua a leggere

Annunci

Terza via: una rivoluzione creatrice

Ieri in parivoluzione liberale per un terzo risorgimento italianousa pranzo i miei colleghi (tendenzialmente di sinistra) si dividevano tra ottimisti (`Renzi può risolvere i problemi dell’Italia, anche se in un anno non ha fatto niente. Lo stato è la soluzione.`) e pessimisti (`Tutti i politici a casa`). Io non condivido nessuna delle due vie e ne propongo una terza: una rivoluzione creatriceContinua a leggere

Slancio vitale: amico del Sud pensaci.

calo pil sud italia luca cosimi blog in libertàIeri sono usciti gli ultimi dati di BankItalia per il pil italiano. Il 2012 e il 2013 sono stati due anni di crisi economica; il 2014 sarà ancora difficile. Il fatto più evidente è che il nord è in seppur lieve ripresa, mentre il Sud stenta ancora; non ci sono segnali positivi. Il meridione risulta né attrattivo né competitivo. Investire in Italia è già difficile, al sud ancora di più.
Il sistema delle piccole e medie imprese meridionali, inoltre, ha risentito di più della globalizzazione ed oggi le esportazioni vanno a rilento.
Il sud, quindi, non può più aspettare: è il momento inderogabile della svolta. Ci vuole coraggio. Innanzitutto: che cosa non serve?  Vanno evitate le ricette del passato: assistenzialismo, investimenti pubblici a pioggia, cattedrali nel deserto. Non deve essere lo stato a risolvere i problemi, perché è evidente che non ci è mai riuscito, anzi, li ha ampliati. Bisogna partire dagli individui, dalla volontà di fare, cambiare e prendersi le responsabilità. L’individuo meridionale si faccia promotore di una società in cui siano più radicati il senso civico di fiducia reciproca, collaborazione, scambio trasparente. Il futuro del sud passa per la genesi di un terreno fertile in cui ci sia un forte capitale sociale e rinnovata ricerca del benessere individuale.
Tutto parte dalle singole persone, non dallo stato.
E allora, che cosa fare per rilanciare il meridione?

Continua a leggere